Nessuna truffa, ma un mero errore formale fatto in buona fede.Basta questo per spingere sull’orlo del commissariamento un piccolo Comune che aveva creduto nel fotovoltaico per migliorare il suo bilancio.Parliamo di Avolasca, municipalità di montagna in provincia di Alessandria, che deve restituire al GSE oltre un milione di euro di incentivi.

Sorgente: Fotovoltaico e controlli GSE, se una carta “sbagliata” manda in bancarotta un Comune | QualEnergia.it

Fotovoltaico e controlli GSE, se una carta “sbagliata” manda in bancarotta un Comune | QualEnergia.it
Tag:     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *